Tutti i parchi di divertimento

Switch to desktop Register Login

Vota questo articolo
(0 Voti)

Fuji-Q Haunted Mansion

The Haunted Hospital del parco giapponese Fuji-Q è un'attrazione che merita un minimo di presentazione, a beneficio soprattutto dei "matusa" che considerano le case stregate e i giochi di questo tipo come qualcosa di adatto soltanto ai bambini, più all'altezza di un luna park di quartiere che di un parco a tema moderno. Vogliamo provare a convincere questi scettici che si sbagliano, si sbagliano di grosso.

haunted mansion giappone

Per descrivere l'atmosfera di The Haunted Mansion dovete seguirci con l'aiuto di un po' di immaginazione e delle foto che siamo riusciti a trovare. L'attrazione si trova all'interno di un parco pensato decisamente per adulti, i bambini sono accettati ma la maggior parte delle attrazioni sono troppo forti per loro.
Il parco si trova alle pendici del monte Fuji in una zona di rara bellezza e serenità, accanto a un lago, immerso quindi nella natura, nel silenzio e nella tranquillità.
Immaginate quindi di girare all'interno di questo enorme parco e di vedere a un certo punto delle recinzione, come a delimitare dei lavori in corso. Queste recinzioni fanno parte dell'attrazione e contribuiscono a creare l'atmosfera.
Se siete in grado di capire il giapponese (non abbiamo trovato molti cartelli in inglese, almeno in questo specifico caso) scoprirete che oltre i lavori in corso si trova un ospedale, ricostruito all'interno del parco ma originariamente situato nella città di Tokyo. Perchè un ospedale e non il classico castello? Secondo la mentalità giapponese è semplice, in un ospedale muoiono un sacco di persone ed è quindi molto più spaventoso di un castello. Statisticamente ci saranno più fantasmi in un ospedale che in un qualunque altro tipo di edificio. Comincia a interessarvi?
L'ospedale ha il classico aspetto dell'edificio degli anni '50, vecchio senza essere antico, trasandato, quasi abbandonato. Già all'esterno della struttura si vede qualche "cadavere", giusto per cominciare a entrare in atmosfera.
All'ingresso se siete in gruppo verrete separati, non ci sono vagoncini si procede a piedi, a due a due e ad ogni coppia viene consegnata una torcia. Una sola, piccolissima torcia che illumina molto meno di quanto si vorrebbe, inutile dire che nelle coppie uomo donna è il cosiddetto sesso forte che deve farsi carico dell'illuminazione del percorso.
Si entra e si comincia a percorrere l'edificio, non si vedono altri visitatori, al massimo si sentono le urla. Vi addentrato in un ospedale abbandonato degli anni 50, qua e là ci sono barelle, garze, grembiuli macchiati di sangue e altre simili amenità. Ci sono anche dei pupazzi e dei giochi attivati da fotocellule ma il pezzo forte dell'attrazione sono gli attori.

Attore dentro l'ospedale fantasma
Già, è questo il punto che rende la Haunted Mansion particolarmente spaventosa, non ci sono pupazzi ma ci sono degli attori veri sparsi lungo il percorso e il loro compito e farvi vedere i sorci verdi. Con tutti il rispetto per il software, i programmatori, l'intelligenza artificiale e tutto questo genere di cose, se un essere umano in carne, ossa, cervello e costume tematico vuole farvi cagare addosso in un luogo semi-buio che lui conosce a menadito mentre voi siete costretti a procedere a tentoni credetemi sulla parola: ci riesce!
Potete, se volete, pensare al sadismo giapponese, chiedervi come mai pochi reagiscono con un cazzotto per premiare la bravura dell'attore che è riuscito a spaventarvi, potete investigare sul numero di uscite di sicurezza che permettono di terminare il giro se proprio non riuscite a reggere la durezza del percorso (pavidi e pusillanimi) oppure potete prendere la cosa con lo spirito giusto e continuare a divertirvi procedendo alla ricerca dell'uscita.

Per la cronaca: il nostro giro è durato 45 (sì, quarantacinque) interminabili minuti. Una volta usciti ci è stato spiegato che la durata del giro dipende dall'affollamento del parco, pareti mobili controllate dalla regia possono allungare o accorciare i percorsi e questo avviene in funzione dell'affollamento per evitare che si formino code troppo lunghe all'ingresso in alcune giornate i percorsi vengono quindi accorciati. Ci è stato anche spiegato che ci sono stati alcuni casi in cui gli spettatori in una reazione nervosa hanno colpito gli attori (ma non ci è stato detto come è andata a finire e se ci sono state ripercussioni).

L'ospedale fantasma del parco Fuji-Q

© 2012-2019 Supero Limited Malta

Top Desktop version